Viaggi psichedeliciIl mondo della designer canadese Marie-Ève Lecavalier ruota intorno ad uno spirito rock e psichedelico e ad una visione eco-responsabile della moda. Composta da vecchi jeans e pellami riciclati che prendono forme nuove, la collezione mette in risalto silhouette urbane e contemporanee, con un tocco di eccentricità

Set 12, 2018
Posted in: , Designer , Nuovi talenti
Fresca vincitrice del premio Chloè e della menzione speciale della Giuria Moda al Festival International de Mode et de Photographie di Hyères 2018, il suo lavoro è stato particolarmente apprezzato soprattutto per la capacità di trattare la pelle. La designer originaria di Montréal, dopo studi all’HEAD di Ginevra e un recente trasferimento ad Anversa per uno stage da Raf Simons, ha sempre amato cucire e lavorare questo materiale. “Adoro la pelle e ho sviluppato delle tecniche particolari come, in questa collezione, la pelle-tricot”, uno speciale lavoro a maglia in stile jersey che mi ha regalato l'opportunità di utilizzare piccole quantità e diversi tipi di pelle acquistati da depositi e negozi di seconda mano”. Il nome della collezione è “Come Get Trippy With Us” ed è concepita per donne in bilico tra la psiche e i sogni, trae ispirazione dalle visioni e sonorità psichedeliche di Frank Zappa, con cui è cresciuta grazie a suo padre. Un modo alternativo di vedere la realtà fa parte della vita di Marie-Ève Lecavalier fin da bambina: cresciuta nella noiosa suburbia di Montréal, ha da sempre cercato di creare un modo di vedere il quotidiano che fosse più vivace e divertente rispetto alla monotonia della vita di tutti i giorni, sviluppando un fascino per le allucinazioni. Ne è nata una collezione rigorosa e pronta per essere indossata, ma che si sviluppa in una maniera inaspettatamente artistica. I capi, impeccabili, utilizzano materiali ‘urban’ come il denim sbiadito e riciclato, ma anche sartoriali come il cotone per camiceria, per creare bellissime superfici smerlate, marmorizzate e intrecciate. A tutto questo, si aggiunge il lavoro con un artista vetraio che crea bottoni e fibbie in vetro specchiato che apportano un tocco accattivante e organico agli indumenti. La sintesi è un equilibrismo tra uno stile acid rock e valori eco-responsabili, unito a un design grafico pulito e a una tecnica particolarissima di lavorazione della pelle.
Potrebbe interessarti anche
Romanticismo dark

Romanticismo dark

Rosso e nero esaltano l’intrigante collezione della designer finlandese Linda Kokkonen. Attingendo alla moda vittoriana, allo streetstyle e a un immaginario gotico inguaribilmente romantico, i capi oscillano tra un mix di modernismo e tradizione ricchi di silhouettes fluttuanti fuori dal tempo da “banshee contemporanea”

Pump Up the Volume!

Pump Up the Volume!

I suoi capi sono già stati indossati da Rihanna, Lil Yachty, Kris Wu, Gucci Mane, Remy Ma: Junjie Yang punta su capispalla dai volumi over e dalle forme inconsuete, centrando il segno con le pellicce lunghe dal decoro fiammeggiante